• Sab. Set 25th, 2021

500 Maestri D'Arte

Triannuario di Arte Contemporanea – Ars Magistris

Celestino Mesa al Museo di Belle Arti, Santa Cruz De Tenerife, dal 1o Settembre al 14 Ottobre 2021

Dimaestro

Ago 27, 2021

Celestino Mesa, pittore, muralista, specialista in acquarello e ritrattistica, esporrà dal 10 settembre al Museo Municipale di Belle Arti della capitale di Tenerife. È una selezione delle sue creazioni recenti, al di fuori del puro realismo. Si ispira alla tradizione degli acquarellisti canari, dove luce e colore sono i motivi principali per portare l’opera al supporto. Lo stesso nel ritratto, dove segue la tendenza realistica. Il suo lavoro è il riflesso di un mondo intimo, di una dualità tra realtà e speranza. Il tutto all’insegna di un’eleganza decisa, con spazi equilibrati a cui unisce forma e colore. Nella figura è cauto e preciso nelle somiglianze e quando rompe con quella forma lo fa con il paesaggio, dove si libera da ogni pressione pittorica. Modella l’eternità dei sentimenti, delle esperienze che possono avere una continuità o che forse appartengono al passato. È un disegnatore eccezionale, con un’invidiabile padronanza del colore, un maestro nell’arte di trasformare in modo che tutto sia un vero riflesso della realtà. Sa vedere e credere, in un gioco costante in cui la figura acquista risalto e qualità. Celestino Mesa è un virtuoso della pittura. Ha esposto in numerosi paesi europei, Danimarca, Svezia, Germania, Spagna. Ha collaborato in più collettive ed ha esposto nelle principali sale di questa capitale. Il suo lavoro è molto diffuso e compare in molteplici collezioni pubbliche e private.

Joaquin Castro San Luis. (Critico d’Arte. Giornalista).

The Not So Still Life by Celestino Mesa.

L’interpretazione della “solitudine” in Natura non così morta… e le relazioni interpersonali, attraverso uno sguardo critico artistico dove piante e oggetti inanimati dialogano su tela o cartone… o no…

Il sentimento di solitudine, come definito da Peplau e Perlman (1979), è la percezione del divario tra ciò che la persona si aspetta dalle relazioni interpersonali e ciò che avrebbe voluto. Allo stesso modo, lo psicologo Guy Winch sottolinea la soggettività della solitudine, quella sensazione dipende solo dal fatto che ci si senta emotivamente o socialmente disconnessi da chi lo circonda, indipendentemente dal fatto che sia circondato da persone, amici, famiglia, ecc.

Il sentimento di solitudine, quindi, è il prodotto delle convinzioni che la persona ha e delle valutazioni che fa sulla propria situazione affettiva e/o sociale.

La solitudine ci colpisce tutti ad un certo punto della nostra vita; Frasi come “sono solo” o “non ho nessuno” sono spesso abbastanza frequenti.

A volte la persona che le dice può avere familiari, amici o anche un gran numero di follower sui social media, ma in realtà non si sente davvero in sintonia con nessuno; E quello che vuole davvero trasmettere è che si sente sola.

È una sensazione difficile da spiegare, quindi questa interpretazione personale con vite non così morte, è un misto di sentimenti di inadeguatezza, di mancanza, ma soprattutto di vuoto.

L’OMS definisce la salute come: “lo stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, e non solo l’assenza di malattie o infermità”. In tal senso, il benessere generale dipende in larga misura dalla qualità dei legami che stabiliamo con gli altri.

La sensazione di solitudine è un fattore dannoso per la nostra salute, generando anche conseguenze negative sul nostro benessere emotivo e psicologico, quali: tristezza, stress, mancanza di motivazione, disperazione, angoscia, paura…

La solitudine è un sentimento che ci avverte di una mancanza di contatto affettivo o sociale, panorama che in questo caso Celestino Mesa ricrea con i colori più neutri e gli ambienti grigi, ma, come quasi sempre, il problema non è la sensazione che proviamo, se non cosa ne facciamo e come lo gestiamo.

Questo segnale può essere interpretato come un impulso ad agire e, di conseguenza, a cercare relazioni più attivamente, oppure può essere il motivo che ci porta ad isolarci ancora di più, nel tentativo di proteggerci affinché gli altri non ci facciano male.

Un fattore che sembra essere correlato al sentimento di solitudine è la competenza sociale, cioè, tra l’altro, la capacità delle persone di esprimere i propri sentimenti e opinioni. In questo senso compaiono spesso pensieri distorti in cui la persona è convinta di non essere amichevole, interessante o degna di essere apprezzata, e quindi rifiuta qualsiasi tipo di potenziale amico per proteggersi da un possibile rifiuto.

La base che sta alla base di questo tipo di credenza è solitamente la paura di condividere, di mostrarsi come si è…; Questi tipi di paure rendono molto difficile creare forti relazioni interpersonali. La solitudine non ha solo conseguenze a livello psicologico, ma mette a dura prova anche la nostra salute fisica.

È normale che le persone sole cadano in un circolo vizioso: la persona si sente sola, si deprime e poi si sente sempre più sola e depressa. Il risultato è una perdita di interesse nella vita quotidiana e nell’intraprendere nuove attività che potrebbero aiutarti a incontrare altre persone con cui condividere gusti e valori.

Così come la solitudine non ha sempre a che fare con la presenza o l’assenza di altre persone, non sempre deve avere una connotazione negativa o essere dannosa.

C’è un tempo per comunicare con gli altri e un altro per stabilire un contatto con la parte più profonda di noi stessi, in cui la solitudine è essenziale. I periodi di solitudine ci aiutano a fare un passo indietro, a guardare indietro alle nostre vite e a pianificare il futuro.

Stare da soli, senza dare spiegazioni a nessuno, semplicemente godersi quelle cose che più desideriamo lontano dagli impegni quotidiani può essere altamente terapeutico, ed è un esercizio altamente consigliato, soprattutto quando la nostra routine quotidiana è molto stressante.

Come Edward Hopper, pittore della solitudine dell’isolamento, in questa serie Celestino Mesa cerca un dialogo tra cornici grigie o perdute, su una parete nera o scolorita e al suo interno l’impronta del tempo, una croce o una forchetta sul tavolo. , da solo , su una tovaglia stropicciata… o su un muro dimenticato nel tempo, solo e in attesa dell’impronta di un nuovo giorno. Un vaso ad angolo retto che isola e protegge lo scheletro… la sua costola d’Adamo, monstera, sola con le sue luci e ombre davanti a una tela bianca; riflessione prima tutto ciò che resta da venire o vivere, ognuno sommerso, isolato nella sua malinconia. Un caffè che aspetta nella tazza, l’impronta femminile in essa, quella che non c’è più, una particolarità di questa mostra poiché Celestino Mesa tralascia la figura umana per concentrarsi sugli oggetti semplici e unitari che compongono quelle nature morte, ognuna nella sua solitudine, accessori minimali che invitano lo spettatore a cercare quel messaggio, o il motivo della distribuzione degli spazi.

Spazi, nature morte non proprio, tovaglie, coste, ombre, luci, cornici che dialogano con il muro tra toni neutri, componenti che Celestino Mesa ha utilizzato per caratterizzare questo particolare messaggio, di solitudine che molti di noi hanno dovuto vivere questi giorni di pandemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *